USA, resta chiuso nel supermercato e si fa ammerda tutta la notte invece di chiedere aiuto!

È rimasto chiuso nel reparto frigorifero di un supermercato, ma, invece di chiedere aiuto, ha deciso di bere qualsiasi sostanza alcolica si trovasse davanti. È successo a Marshfield, nello stato del Wisconsin. Il protagonista della storia è un 38enne americano, di cui non è stato diffuso il nome. La mattina dopo, l’uomo se n’è andato – ubriaco – senza neanche pagare il conto. Per questo è stato denunciato per furto. Lo riportano i media statunitensi.

Continua a leggere “USA, resta chiuso nel supermercato e si fa ammerda tutta la notte invece di chiedere aiuto!”

Si ubriaca in Romania e si risveglia a Londra pieno di lividi.

“È stato trovato ubriaco e sembra essere stato picchiato, era in un cortile. È stato portato al nostro ospedale, ma mi ha detto di non conoscere nessuno a Londra e di essere stupito di non essere più in Romania. Non ha idea di come siamo arrivati a Londra. Se qualcuno lo conosce e volesse mandarmi un messaggio privato, lo girerò a lui. È stato ricoverato nel reparto dove lavoro”.

Continua a leggere “Si ubriaca in Romania e si risveglia a Londra pieno di lividi.”

Scoppia il boom dei bidet negli USA: gli americani stanno iniziando a lavarsi il culo.

Dal 2010 in poi le vendite sono aumentate almeno del 10% ogni anno, e nel 2016 se ne sono venduti il 30% più dell’anno precedente. Come spiega BidetKing.com la clientela è costituita principalmente da uomini e donne tra i 55 e i 70 anni, ma nell’ultimo periodo i bidet stanno diventando trendy anche tra le generazioni più giovani. E in particolare i Millennials ne hanno scoperto la grande utilità, sia da un punto di vista igienico sia ambientale. L’approccio, insomma, sta cambiando negli Usa.

Continua a leggere “Scoppia il boom dei bidet negli USA: gli americani stanno iniziando a lavarsi il culo.”

11 oggetti (presumibilmente) stregati e messi in vendita su eBay

È iniziata ufficialmente la stagione dei film strizzamutande, quelli da guardare al buio e che ti fanno raddrizzare i peli del corpo, …solo quelli! Avete memoria del film The Conjouring e in particolare della stanza in cui i coniugi Warren conservavano tutti gli oggetti stregati? Qualcuno ha cercato della roba simile su eBay e ha stilato una lista di undici oggetti maledetti che potete acquistare sulla piattaforma d’aste più famosa del mondo.

Continua a leggere “11 oggetti (presumibilmente) stregati e messi in vendita su eBay”

Mescolatore Automatico: l’agitatore da cucina

Questo agitatore e mescolatore automatico è l’accessorio indispensabile per cucinare. E’ tra gli accessori da cucina più utili che abbiate mai visto ed è disponibili su Amazon a poco più di 10 euro!

Grazie ai 3 diversi livelli di velocità è in grado di mescolare diverse tipologie di sostanze. E’ chiaramente un accessorio molto utile anche per i più pigri a cui piace fare altro mentre cucinano! 😀

I segnali per far capire alla gente la vastità del cazzo che te ne frega

Possiamo ufficialmente dire che questa storia delle buone maniere che ci impediscono di esprimere al meglio la vastità del cazzo che ce ne frega di quei discorsi inutili che ogni giorno ci propinano amici, parenti o perfetti sconosciuti, sia una cacata pazzesca?

Quante volte vi siete trovati di fronte a discorsi che in pochissimi istanti diventavano dei soliloqui di cui tu eri lo spettatore non pagante di uno spettacolo di merda? Basta pensare a quando aprono bocca vegani, populisti e magari ultras di una qualunque squadra di calcio. Pensate alla combo, un populista vegano tifoso della Samp… che brividino!

Continua a leggere “I segnali per far capire alla gente la vastità del cazzo che te ne frega”

15 tentativi di sembrare sexy grazie a photoshop riusciti male

Tra Photoshop e i vari filtri di Instagram non ci si può più fidare delle foto che si trovano on line. Grazie al cielo non tutti sanno usare i programmi di fotoritocco e lo si può capire pochi istanti dopo aver visto una foto ritoccata Ad Minchiam.

Queste sono 15 persone che hanno esagerato con i ritocchi su Photoshop. Si tratta di un po’ di tentativi di voler apparire sexy riusciti molto, molto, molto male!

“Pen Pineapple Apple Pen” è l’unica canzone di cui hai bisogno oggi!

Avete in mente tutti i fenomeni virali del 2015? Prendeteli e buttateli nel cesso perché è arrivato il nuovo inno dell’Internét. Si chiama ‘Pen Pineapple Apple Pen‘, PPAP per gli amici e il motivo per cui sta spopolando vi sarà chiaro solo dopo aver visto il video.

Un giapponese con indosso un abito leopardato-pitonato (o…boh) canta “Pen Pineapple Apple pen” e il tutto è talmente assurdo da contare già 10 milioni di visualizzazioni su youtube. L’uomo che vedete nel video è un alter ego creato dal comico e dj Kosaka Daimaou.

Guardate il video perché poco più sotto vedrete centinaia di adolescenti giapponesi letteralmente impazziti per Piko-Taro.

Video Pen Pineapple Apple Pen

Un mucchio di adolescenti giapponesi replicano quotidianamente il balletto di Pineapple Pen. Fanculo la dignità. 😀

Adolescenti che replicano Pen Pineapple Apple Pen

https://www.youtube.com/watch?v=k0zfx5Xm0IY

True Love Tester: il reggiseno intelligente che le esce se incontri il vero amore

I giapponesi ci hanno sempre stupito con le loro invenzioni bizzarre e questa volta hanno creato un gadget molto particolare. Si chiama “True Love Tester” ed è un reggiseno intelligente in grado di riconoscere il vero amore basandosi sul battito cardiaco e che attraverso l’algoritmo dell’app ti fa capire se è quello giusto. Ma non solo! Grazie al controllo remotodarà un aiutino all’uomo qualora non fosse in grado di sbottonare il reggiseno!

Quando la percentuale di affinità raggiunge una percentuale prestabilita, l’app invia un segnale al reggiseno che in pochi istanti si auto-sbottona! Dietro questa invenzione c’è Ravijour, una famosa marca giapponese di lingerie che ha deciso di presentare questo prototipo durante l’anniversario della società.

Il video del reggiseno intelligente True Love Tester

https://www.youtube.com/watch?v=B8Wd831gUt4

Nella metropolitana di Londra hanno sostituito i manifesti pubblicitari con tanti gattini

Attraverso una campagna pubblicitaria finanziata su Kickstarter da quasi 700 persone, nella fermata Clapham Common della metropolitana di Londra sono stati sostituiti tutti i manifestai pubblicitari con delle gigantografie di gattini. Ad organizzare questa campagna è stato James Turner tramite il suo blog e per la stampa dei manifesti sono state raccolte ben 23.000 sterline.

Come fare la pipì quando hai il durello: guida illustrata.

Sono le 8:00 del mattino e come al solito  il vostro amichetto è già pronto per una giornata di fuoco… peccato però che vi state pisciando addosso!

L’alzabandiera mattutino è motivo d’orgoglio di tutti gli uomini (o quasi) e può diventare un problema in concomitanza dell’estremo bisogno di andare a pisciare. La soluzione più logica potrebbe essere quella di farla in doccia e senza inventarsi posizioni assurde e ridicole..

Continua a leggere “Come fare la pipì quando hai il durello: guida illustrata.”

Stress da rientro? Attacca un paio di palle antistress sotto la scrivania

Siete appena rientrati dalle ferie e sentite già puzza di stress? L’agenzia di comunicazione Imaginarte ha sviluppato la soluzione definitiva, il must-have del dopovacanza. Si chiama Niceballs, è disponibile in prevendita e punta ad immagazzinare lo stress globale in un paio di palle.

Niente paura quando aprirete la mail e ne troverete 2305 da leggere… una strizzatina alle palle e si parte!

Video delle Niceballs dell’agenzia Imaginarte

Il ministero della salute fissa il #FertilityDay e la rete prende per il culo la Lorenzin con questi meme

Il 22 settembre ci sarà il FertilityDay, la giornata nazionale contro la denatalità organizzata dal Ministero della salute. Parliamoci chiaro, ci sono giornate nazionali e mondiali organizzate per la qualunque cosa. L’8 agosto è la giornata internazionale del gatto, il 31 luglio è quella mondiale dell’orgasmo mentre il 20 settembre il mondo festeggia appassionatamente il peto, pensate un po’… proprio pochi giorni prima di quello che dedicato all’inseminazione nazionale!

Continua a leggere “Il ministero della salute fissa il #FertilityDay e la rete prende per il culo la Lorenzin con questi meme”

Poop cafè è il primo bar con un tema di merda, giuro.

Cari amici di Ad Minchiam ci siamo quasi. Ad agosto aprirà a Toronto il Poop Cafè, un bar il cui tema è la cacca! Lo so, argomento molto delicato che potrebbe puzzare a molti di voi ma che per dovere nei confronti del prossimo dobbiamo affrontare.

Di recente vi ho parlato del ristorante indonesiano che serve i cibi nei water e devo ammettere che la situazione sta sfuggendo di mano.

Dietro il Poop Cafè Dessert Bar di Toronto si nasconde la mente di Lien Nguyen. I cibi serviti nel suo Bar sono a forma di feci di ogni colore e alcune pietanze sono servite su dei mini water. Le mura del locale abbondano di emoji e vignette a forma di cacca. Ad ogni modo, se per caso vi trovate a fare quattro passi per le strade di Toronto, il Poop Cafè Dessert Bar si trova in 706 Bloor St. W.

Come dovrebbe essere il corpo umano per sopravvivere a uno schianto in auto? Così.

Quello che stai per vedere non è un bello spettacolo, ma se il nostro corpo fosse modellato in modo tale da farci sopravvivere a un terribile incidente stradale avrebbe le sembianze di Graham.

Graham è una scultura realizzata dall’artista australiana Patricia Piccinini con l’aiuto dei chirurghi e di alcuni ingegneri della sicurezza stradale. Tutto questo fa parte della campagna sulla sicurezza stradale realizzata dalla Commissione Australiana sugli Incidenti Stradali (TAC).

Come potete vedere, Graham non ha un collo perché è la vittima principale della maggior parte degli incidenti stradali. Ha anche un volto carnoso e piatto per proteggere il viso dagli impatti. E se vi state chiedendo a cosa servono quella dozzina di capezzoli, beh… sono li per proteggere le costole come se fossero tanti mini air-bag.

La rincorsa di Zaza e il cucchiaio di Pellè: tutti i meme, le gif e i video.

Quelli di Simone Zaza e Graziano Pellè sono di quei rigori già segnati. E per “già segnati” intendo quei penalty su cui puoi metterci la mano sul fuoco che la palla finirà in tribuna oppure sui tabelloni pubblicitari.

Ahimè questo è quello che ricorderemo del quarto di finale contro la Germania: Zaza entra all’ultimo secondo dei tempi supplementari esclusivamente per battere il rigore, prende una mezza giornata di permesso per la rincorsa in pieno stile Flash Dance e spara la palla in tribuna. Poi arriva Pellè direttamente da San Cesario, imita lo scavetto a Neuer e con grande coerenza sbaglia il rigore mandando la palla a lato.

Continua a leggere “La rincorsa di Zaza e il cucchiaio di Pellè: tutti i meme, le gif e i video.”

Una startup spagnola ha creato il vino blu

La startup spagnola Gik ha scelto di ridefinire l’esperienza alcolica creando il primo vino blu al mondo. Sappiamo benissimo che il vino rosso si abbina alla carne rossa, il vino bianco al pesce e il rosato… boh, il rosato andrà pur bene con qualcosa. Ma il vino blu? A cosa lo abbinereste?

Questo vino è stato realizzato in collaborazione con l’Università dei Paesi Baschi e Azti Tecnecalia e sarà commercializzato molto presto in tutti i paesi dell’Unione Europea a un prezzo di circa 8 £ a bottiglia. Per arrivare a questa tonalità, il team di Gik ha mescolato uve rosse e bianche. Il blu deriva da una combinazione di antocianine (pigmento che si trova sulla buccia del’uva).

Gik – Vino blue, il video della presentazione

Se i personaggi di Game of Thrones lavorassero in un’agenzia pubblicitaria

L’agenzia pubblicitaria Chimp&z Inc con sede a Mumbai ha recentemente realizzato una serie di cards ispirate a Game of Thrones e chiamata Game of Agencies. In questa collezione i personaggi del Trono di Spade sono stati classificati in base al ruolo che potrebbero ricoprire in un’agenzia pubblicitaria.

I copywriter saranno felici di essere rappresentati da Tyrion Lannister perché sono degli ubriaconi e al tempo stesso molto intelligenti. Un po’ meno felici saranno i designer, visti come gli Immacolati e schiavi del direttore artistico.