Questo è uno di quei momenti in cui realizzi che Gigi D’Alessio è un livello più in alto del Karma. Non importa chi sei, cosa hai fatto nella vita, quante persone hai salvato da morte certa e quante ne salverai perché lui continuerà a cantare. Forse, nella migliore delle ipotesi, per altri 15 anni.

In un’intervista al corriere della sera ha dichiarato: Canterò e farò concerti per pagarmi i debiti per i prossimi 15 anni e onorerò gli impegni in attesa che qualcun altro (Giovanni Cottone, l’ex marito della Marini con cui ha tentato di riportare il marchio Lambretta in Italia, progetto fallito, ndr) onori i suoi nei miei confronti. Perché io sono la vittima e non il carnefice”

Anche se Gigione tenta di rassicurarci dicendo: “Voglio rassicurare i miei fan, facciamo un po’ meno, due-tre anni direi. Chi mi segue da tempo sarebbe contento, ma il mio primo pensiero va invece a chi non mi vuole ascoltare nemmeno per un minuto. Sottoporli ad altri 15 anni di miei concerti sarebbe troppo“. E’ chiaro che nonostante il nobile gesto, brividi, sudori freddi e tremolii non accennano a placarsi. Soprattutto in virtù del fatto che il debito da recuperare sarebbe di 25 milioni di euro.

Una soluzione ce la offrono Ilaria e Pasquale che su Twitter propongono una mega colletta tramite qualche piattaforma di Crowdfunding, 15 anni sono troppi!

Marco e Miriam la prendono sul personale, il primo vede questa storia come una minaccia e la seconda come una chance per passare a miglior vita:

In chiusura non poteva mancare la visione complottista della storia, Dj Aniceto scrive: